Fotos

Photographer's Note

My third postcard from Matera shows a view that is the opposite of the first, beyond the river. Here it is easy to understand how the houses were dug out of the rock, the brown door under the large rock is a striking example. These were still used as homes until the 1950s, while now they are becoming expensive bed & breakfasts.n 1945 there were among the first in the south, popular uprisings for the allocation of uncultivated lands which were resolved with the enactment between 1946 and 1947 of the Ponte decrees (from Aurelio Ponte, prefect of Matera); they anticipated the agrarian reform. In 1948 the question of the Sassi of Matera was born, raised by Palmiro Togliatti first, and by Alcide De Gasperi later. In 1952 a national law established the removal of the Sassi and the construction of new residential districts that developed the new city in which the 15,000 inhabitants of the Sassi merged. In 1980 it was partially damaged by the Irpinia earthquake and the aftershocks that followed. In 1986 a new national law financed the recovery of the ancient districts of Matera, now degraded by over thirty years of abandonment.

CARTOLINE DA MATERA 3

La mia terza cartolina da Matera mostra una vista che sta all'opposto della prime, oltre il fiume. Qui si capisce bene come le case venivano scavate nella roccia, la porta marrone sotto la grande roccia è un esempio lampante.Queste erano ancora usate come abitazioni fino agli anni 50, mentre ora stanno diventando dei costosi bed & breakfast.Nel 1945 vi furono tra le prime nel meridione, sommosse popolari per l'assegnazione delle terre incolte che si risolsero con l'emanazione fra il 1946 e il 1947 dei decreti Ponte (da Aurelio Ponte, prefetto di Matera); furono anticipatarie della riforma agraria. Nel 1948 nacque la questione dei Sassi di Matera, sollevata da Palmiro Togliatti prima, e da Alcide De Gasperi dopo. Nel 1952 una legge nazionale stabilì lo sgombero dei Sassi e la costruzione di nuovi quartieri residenziali che svilupparono la città nuova nella quale confluirono i 15.000 abitanti dei Sassi. Nel 1980 fu parzialmente danneggiata dal terremoto dell'Irpinia e dalle scosse che seguirono. Nel 1986 una nuova legge nazionale finanziò il recupero degli antichi rioni materani, ormai degradati da oltre trent'anni di abbandono.

Photo Information
Viewed: 0
Points: 60
Discussions
Additional Photos by Luciano Gollini (lousat) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 16202 W: 132 N: 27479] (134029)
View More Pictures
explore TREKEARTH