Fotos

Photographer's Note

Second post dedicated to the roofless abbey. Today I show 3 photos from the inside after the outside views from the previous post. From these perspectives the particularity of the thing is certainly better understood.
The Abbey of San Galgano is a Cistercian abbey, located about thirty kilometers from Siena, in the municipality of Chiusdino.
The site is made up of the hermitage (called "Rotonda di Montesiepi") and the large abbey, now completely in ruins and reduced to just the walls, a destination for tourists. The lack of the roof - which highlights the articulation of the architectural structure - unites the abbey in this to those of Melrose, Kelso and Jedburg in Scotland, Tintern in Wales, Cashel in Ireland, Eldena in Germany, Beauport in Paimpol (Brittany) and the Convento do Carmo in Lisbon. The construction works were never completed. The roof collapsed in 1786 when lightning struck the abbey's bell tower. Three years later it was deconsecrated and from then on it was used as a stable, until in 1926 the Italian state recognized its cultural value and protected it.

Secondo post dedicato all'abbazia senza tetto. Oggi mostro 3 foto dall'interno dopo le viste esterne del post precedente. Da queste prospettive si comprende sicuramente meglio la particolarità della cosa. L’abbazia di San Galgano è un'abbazia cistercense, sita a una trentina di chilometri da Siena, nel comune di Chiusdino.
Il sito è costituito dall'eremo (detto "Rotonda di Montesiepi") e dalla grande abbazia, ora completamente in rovina e ridotta alle sole mura, meta di flusso turistico. La mancanza del tetto - che evidenzia l'articolazione della struttura architettonica - accomuna in questo l'abbazia a quelle di Melrose, di Kelso e di Jedburg in Scozia, di Tintern in Galles, di Cashel in Irlanda, di Eldena in Germania, di Beauport a Paimpol (Bretagna) e del Convento do Carmo a Lisbona. I lavori di edificazione non vennero mai completati. Il tetto crollò nel 1786 quando un fulmine colpì il campanile dell'abbazia. Tre anni dopo fu sconsacrata e da li in poi venne usata come stalla, fino a quando nel 1926 lo stato Italiano ne riconobbe il valore culturale, tutelandola.

Photo Information
Viewed: 0
Points: 64
Discussions
  • None
Additional Photos by Luciano Gollini (lousat) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 14774 W: 128 N: 26069] (128895)
View More Pictures
explore TREKEARTH