Fotos

Photographer's Note

Regardless of the historical and artistic value of this rare monument, I noticed another aspect, perhaps too personal, but the way of embrace these soldiers reminded me of a very exciting time ... In fact the title I have given to this shot is "Brothers in Arms "as the famous song by Dire Straits:


through these fields of destruction
Baptism of fire
I've watched all your suffering
As the battles raged higher
And though they did hurt me so bad
In the fear and alarm
You did not desert me
My brothers in arms

There's so many different worlds
So many different suns
And we have just one world
But we live in different ones

Indipendentemente dal valore storico e artistico di questo raro monumento, ho notato un altro aspetto, forse troppo personale, ma il modo in cui si abbracciano questi soldati mi ha ricordato un momento molto emozionante Infatti il titolo che ho dato a questo scatto e proprio Brothers in Arms come la canzone dei Dire Straits che ho portato sopra.

Invece sotto c'e la nota storica sulla storia di questa opera d'arte:

Il monumento ai Tetrarchi un doppio gruppo statuario in porfido collocato all'esterno sul cantone del tesoro di San Marco in piazza San Marco a Venezia. alto 1,30 metri.

Il gruppo, attribuito alla statuaria della fine del III secolo o dell'inizio del IV, faceva parte di due colonne onorarie in porfido (materiale particolarmente duro e difficile da lavorare che proveniva dall'Egitto - provincia imperiale - e che dal IV secolo inizi a venire associato con la dignit imperiale) e si trovava a Costantinopoli, dove venne saccheggiato nel 1204 durante la spedizione, "deviata" dai Veneziani, della Quarta crociata. A conferma della provenienza bizantina a met del XX secolo stato ritrovato il frammento col piede mancante della statua di sinistra sul lato est, che oggi si trova nel Museo archeologico di Istanbul.
L'identificazione del doppio gruppo statuario con i primi quattro tetrarchi tradizionale e generalmente accettata, nonostante qualche interpretazione che vi legge temi simbolici come l'abbraccio tra la pars Orientis e Occidentis. Tradizionalmente viene messo in relazione con la prima tetrarchia, tra il 293 e il 303.

Analogamente a rappresentazioni simili in Vaticano, le statue dovevano trovarsi in cima a colonne, poggianti sulla mensola, ad un'altezza che stata calcolata sugli otto metri. Le figure ad altorilievo si abbracciano a due a due, simboleggiando cos la fraternitas tra i Cesari e gli Augusti, che doveva garantire la successione nell'Impero dopo i tumultuosi scontri alla morte degli imperatori durante l'ultimo secolo.

Le quattro figure di imperatore hanno lo stesso abito, col copricapo pannonico, il paludamentum e la corazza (lrica) coi baltei gemmati; le corazze erano anticamente abbellite da foglie d'oro; gli imperatori impugnano saldamente una spada riccamente adorna, la cui elsa a forma di testa d'aquila, secondo un modello probabilmente di origine sasanide. Nelle due coppie l'imperatore che poggia la mano destra sulla spalla sinistra dell'altro barbato, a voler probabilmente segnalare l'et pi anziana dell'Augusto rispetto ai Cesari. Le teste sono simili, con gli occhi che ospitavano paste vitree; esse presentano comunque alcuni tratti di individuazione fisiognomica, ma nonostante ci non possibile identificare con certezza quale figura appartenga all'uno o all'altro tetrarca per la scarsit di confronti e l'astrattezza della rappresentazione.

francio64, nobuikehonda, s_lush marcou esta nota como til

Photo Information
Viewed: 1599
Points: 14
Discussions
  • None
Additional Photos by Igor Sadovy (ingvar) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 210 W: 98 N: 391] (2106)
View More Pictures
explore TREKEARTH