Fotos

Photographer's Note

L'architettura a graticcio è stata la tecnica di costruzione più diffusa nell'Europa centrale a nord delle Alpi e si è diffusa fino in Inghilterra a partire dall'antichità classica e fino al diciannovesimo secolo. I precursori del graticcio si trovano nei muri di Çatalhöyük, che risalgono ad oltre 8500 anni fa. In questo caso però gli elementi non sono in legno, ma in materiale derivato dal limo. Simili costruzioni, ma con una percentuale di legno man mano crescente, si trovano ad Alalakh, Micene e Tirinto. La tecnica del graticcio, prima di diffondersi alla costruzione di edifici, venne utilizzata nella realizzazione dei valli e delle fortificazioni note come murus gallicus.
Il graticcio venne usato anche nei vici delle province nord occidentali dell'Impero romano.
Questa tecnica di costruzione è stata sviluppata durante il Medio Evo e consiste in una struttura di base in legno sulla quale le travi vengono assemblate mediante incastro a tenone e mortasa.
Il riempimento degli spazi vuoti tra le travi si realizza con l'aiuto di diversi materiali, a seconda delle epoche e dei luoghi di costruzione. Può trattarsi di malta d'argilla e paglia spezzettata, blocchi di calcestruzzo, legno...
In campagna viene utilizzata la malta (miscela di terra grassa argillosa, calce, fibre vegetali o animali) posata su un graticolato, in città si privilegia invece la pietra.
Lasciati a vista, i graticci costituiscono l'elemento principale della decorazione delle abitazioni alsaziane e, sovente, i disegni sulle travi in legno sono tanto simbolici quanto decorativi, con motivi come rombi, la croce di Sant'Andrea, la sedia curule, il sole raggiante, il "mann" (il buon uomo).
Inoltre i piani in legno di queste abitazioni borghesi sono anch'essi lavorati con sculture e mondanature.
Anche se le abitazioni a graticcio sono molto diffuse in Alsazia, nessuna somiglia all'altra e sono presenti molteplici differenze dal punto di vista architettonico.

The Tudor style architecture was the most common construction technique in central Europe north of the Alps and spread to England and from classical antiquity until the nineteenth century. The precursors of the lattice can be found in the walls of Çatalhöyük, dating from more than 8500 years ago. In this case, however, the elements are not wood, but in material derived from the silt. Similar construction, but with a percentage of wood as growing, they find themselves Alalakh, Mycenae and Tiryns. The technique of the lattice, before spreading to the construction of buildings, was used in the creation of valleys and fortifications known as murus gallicus.
The lattice was also used in the vici of the North-Western province of the Roman Empire.
This construction technique was developed during the Middle Ages and consists of a basic structure on which the wooden beams are assembled with mortise and tenon joints.
The filling of gaps between the beams is accomplished with the help of different materials, depending on the time and space construction. It can be chopped straw and clay mortar, concrete blocks, wood ...
In the country uses the mortar (mixture of loam clay, lime, plant or animal fibers) placed on a gridiron, in a city you focus instead on the stone.
Be visible, the racks are the main element of the decoration of houses in Alsace, and often the patterns on wooden beams are as symbolic as decorative motifs such as diamonds, the cross of St. Andrew, the chair curule, the sun beaming, the "Mann" (the good man).
In addition, the wooden floors of these houses are also worked with middle-class sculptures and mondanature.
Although the half-timbered houses are very popular in Alsace, like no other and there are many differences from the architectural point of view.

Photo Information
Viewed: 1500
Points: 48
Discussions
  • None
Additional Photos by letizia falini (faletiz) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 579 W: 51 N: 1604] (10113)
View More Pictures
explore TREKEARTH